Impianti di depurazione di acque civili con evapotraspirazione e/o fitodepurazione

Le acque provenienti dalle abitazioni ed immesse in falda rappresentano una fonte di forte inquinamento a seconda della pressione umana esistente nel territorio che si considera.

Sempre crescente è la difficoltà di scaricare, sia pure superficialmente, in terreni impermeabili, mediante trincee di subirrigazione. Una delle soluzioni che oggi viene a sopperire alla necessità di scarico di reflui sia pur pretrattati è costituita dall'impiego di vegetali come disperdenti idrici.

Il sistemi di evapotraspirazione e/o fitodepurazione è un sistema naturale di depurazione delle acque di scarico costituito da un bacino impermeabilizzato riempito con materiale ghiaioso e vegetato da piante acquatiche. La depurazione avviene mediante l'azione combinata tra substrato ghiaioso, piante, refluo e microrganismi presenti. Il sistema funziona in assenza di energia aggiunta e quindi di parti elettromeccaniche. Ciò permette di definire l'impianto "ecocompatibile".

Gli impianti di fitodepurazione opportunamente dimensionati e realizzati consentono un abbattimento del carico organico del refluo in entrata superiore al 90% e comunque conforme ai limiti di legge (D.Lgs. 152/06).

Gli impianti di fitodepurazione permettono di :

  • semplificare la gestione e la manutenzione, minimizzando i costi d'investimento e di gestione, adottando la minore intensità tecnologica ed il minor utilizzo di energia possibile;
  • sopportare variazioni orarie e stagionali del carico idraulico ed organico;
  • raggiungere la depurazione efficace anche delle utenze minori e diffuse evitando il collettamento di bassi carichi per lunghe distanze
  • favorire il ricorso a soluzioni impiantistiche che permettano il recupero ed il riutilizzo dei reflui depurati;
  • minimizzare l'impatto paesaggistico e le condizioni di disturbo del vicinato.

Gli impianti di fitodepurazione vengono impiegati con successo per il trattamento degli scarichi prodotti da:

  • edifici ad uso residenziale
  • attività ricettive: agriturismi, residence, alberghi. campeggi, stabilimenti balneari, rifugi,...
  • aziende agricole, vitivinicole, zootecniche
  • canili, maneggi
  • frantoi
  • strutture sportive; ristoranti; imprese agroalimentari (caseifici, salumifici,)
  • riqualificazioni ambientali (parchi, riserve naturali, aree protette, ...)

I vantaggi:

  1. nessuna produzione di fango
  2. residui consumi energetici
  3. ridotta manutenzione
  4. impatto ambientale nullo
  5. resistenza agli shock di carico organico ed idraulico